Pensavo a ciò che non è (film mentali a gogo).

Pensavo a quante cose potrei fare.
Pensavo a chi potrei diventare, anche solo volendo.
Pensavo a chi potrei avere, solo provandoci.
Pensavo che non sarebbe poi così male la mia vita, solo senz’ansia.
Pensavo a quante perosne potrei aiutare, solo parlando.
Quanti sorrisi potrei creare?
Quante esperienze immagazzinate da portare sempre con me?
Quante bellissime persone potrei conoscere?
Quanto farei carriera e quanto potrei essere soddisfatta se solo riuscissi?
E quanto potrei ricordare dei brutti periodi, solo cambiando?
Pensavo a ciò che non è. E che chissà se lo sarà.
Perché “i fatti sono fatti e non spariranno per farti un piacere” (Javaharlal Nehru).

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

C'era una volta Hollywood

❝Il cinema è la vita con le parti noiose tagliate.❞ A. Hitchcock

Lucy the Wombat

Sopravvissuta a un attentato a Parigi e rinata in Australia. Un blog su: disagio e cose belle, strani posti e creature, tanta meraviglia e un po' di assurdo. Con un vombato contro lo stress post-traumatico. Scrivo per me, per gli italiani in Australia e per gli umani sulla Terra.

Euridice, scrive. ______________________________________________

Euridice, scrive. E non sarà mai sola in questo dannato, caldo inferno.

PenniLein

Se nasci tondo è difficile che muori magro

Alice

Posso sognare di essere un supereroe?

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: