Flames to dust

Non ricordo l’ultima volta in cui ho scrittoun articolo, ma mi sembrano istanti e momenti davvero lontani. 

Quando ho fiyito gli esami, venerdì 1 luglio, ero davvero depressa. Mi sentivo sola e avevo vomitato. Avevo perso ancora. 

D. è scomparso ancora, e sono quasi sicura che anche questa volta non ricomparirá e che dovrò davvero farla finita. 

Sono al mare. In un paese in cui vengo da 12 anni e a cui sono davvero tanto affezionata. Quest’anno l’albergo però ha cambiato gestione e ho dovuto adattarmi. Siamo in un nuovo albergo a 50m di distatanza da quello di prima, ma è comunque cambiato tutto. Prima conoscevamo tutti, il gestore era un nostro amico e confidente e l’albergo era come la nsotra seconda casa, un posto piccolo e semplice,  intimo e caro.

È cambiato tutto. Le cose belle finiscono ed è finita anche questa. E ok. Passi.

Solo che ora mi sento sola davvero. Mi sento spaesata e nonostante sappia che è normale, non mi piace affatto. 

Tra l’altro al mare mi sento sempre come evitata da tutti.  Come se spogliandomi e mostrandomi fisicamente per come sono io non possa piacere. Come se  cambiassi e diventassi antipatica e snob.

Mi sento così insicura. Mi sento e mi vedo a volte troppo magra. 

Mi viene in mente il film “La prima cosa bella” di Virzì. Una bella donna gentile che non riesce a guadagnarsi il rispetto da nessuno solamente perché essendo bella e gentile la gente la usava oppure la odiava. Come se l’essere carina fisicamente e gentile fosse qualcosa di intollerabile e talmente strano da non poter essere accettata. 

Forse esagero. Probabilmente esagero, ma io non mi sento a mio agio e mi viene in mente solo questa sensazione.

Per di più mi sento sola. Ancora . Vedrò ancora la Gloria per una volta, dopodiché ci rivedremo a fine anno perché avra una piccina e non potrà esserci, almeno non sempre e non fisicamente. 

Che sensazioni strane. 

Spiacevoli però. 

Mi sento un po’ vuota. Vedo solo vuoto. 

Volevo dirvi altro ma non mi viene in mente ora. 

Dalla alienazione e solitudine più terribile

C.

Annunci

24 risposte a "Flames to dust"

Add yours

  1. Leggo e commento regolarmente il tuo blog dall’anno scorso. In tutto questo tempo mi sono affezionato molto a te, e quindi mi dispiace tantissimo che in questo momento tu stia attraversando un brutto periodo. Ti auguro di cuore di recuperare presto la tua serenità.

    Piace a 1 persona

      1. Assolutamente sì. Lì il mare è totalmente incontaminato, ed è per questo gli abruzzesi evitano volutamente di pubblicizzarlo: sanno che, se la bellezza di quel luogo diventasse di dominio pubblico, Cologna si trasformerebbe nel giro di poco tempo nell’ennesimo baraccone per turisti. L’Abruzzo è anche la tua regione di residenza o abiti altrove?

        Piace a 1 persona

  2. Puoi anche essere tu a sparire per qualcuno, non devi per forza essere quella che subisce le sparizioni altrui. Sparitevi a vicenda, toh.
    Per il mare pensa che la gente sta lì a farsi i cazzi propri, a prendere il sole e a farsi una nuotata. Non è un concorso di bellezza, specialmente se ti trovi dove penso io… che non è che sia la Costa Smeralda frequentata da gente importante che si porta le modelle appresso.
    Ti annoi a stare lì?

    Piace a 1 persona

  3. Anch’io andavo sempre a Cesenatico, ma anche se cambiavo albergo le amicizie rimanevano inalterate.
    Il bagnino, la cassiera, gli amici di Milano, quelli di Bologna, la tipa ricciolina cui ho fatto il filo per 10 anni senza riuscire mai neppure a darle un bacetto.
    Ci si divertiva lo stesso. Tu non hai amicizie più o meno coetanee?

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

Su ↑

C'era una volta Hollywood

❝Il cinema è la vita con le parti noiose tagliate.❞ A. Hitchcock

Lucy the Wombat

Sopravvissuta a un attentato a Parigi e rinata in Australia. Un blog su: disagio e cose belle, strani posti e creature, tanta meraviglia e un po' di assurdo. Con un vombato contro lo stress post-traumatico. Scrivo per me, per gli italiani in Australia e per gli umani sulla Terra.

Euridice, scrive. ______________________________________________

Euridice, scrive. E non sarà mai sola in questo dannato, caldo inferno.

PenniLein

Se nasci tondo è difficile che muori magro

Alice

Posso sognare di essere un supereroe?

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: