Ma si dice “non buttarti giù” perché la volontà sarebbe quella di lanciarsi da un balcone? 

Mi spiace non condividere quasi più nulla con voi, ma ora come ora non ne sento il bisogno, credo di stare “lavorando”di più introspettivamente (se si può dire).

Ultimamente sento davvero il bisogno di impegnarmi in qualcos’altro oltre all’università, ma oltre all’ansia che porterebbe iniziare qualcosa di nuovo, mi sento quasi totalmente incapace in ogni lavoro/lavoretto che mi viene in mente:

– la babysitter non so se potrei farla perché non ho autorità

-lavorare al Libraccio in qualsiasi campo in cui si abbia un contatto diretto con la clientela mi sembra davvero difficile a causa della mia timidezza

– Iniziare a far qualcosa per passione mi risulta difficile poiché non ho ben chiare quali queste mie passioni possano essere. 

Ho messo solamente alcuni delle cose che mi fanno sentire sbagliata in questo momento. 

A sentire compagni che sanno già cosa fare dopo, altri che lavorano, altri che fanno commissioni e vanno in macchina e io no, chi ha la vita piena… chi parla in aula senza vergogna,  chi nonostante la timidezza riesce a farsi valere… io no. Io mi sento inutile/incapace/sbagliata/stupida. 

E so che dovrei provare. 

Ecco a volte penso siano solamente paure normalissime e sensazioni negative che ho di me e che potrei smentire provando.  E io vorrei provarci.

Ma se poi succede com’è successo poche settimane fa: che mi ero “buttata”sperando di riuscire a bere qualcosa con amici e poi sono stata male? Se vomito al primo colloquio di lavoro? E se anche non vomitassi e avessi talmente tanta ansia da fare una pessimissima impressione?  

Ecco queste non sono sensazioni. Sono certezze. So che andrebbe così. In molti casi da buttarmi giù. 

Annunci

11 risposte a "Ma si dice “non buttarti giù” perché la volontà sarebbe quella di lanciarsi da un balcone? "

Add yours

  1. Io faccio babysitting da qualche anno e se ci riesco io, puoi farcela anche tu. L’importante è che non odi i bambini o cose così XD ma se senti che ti piacerebbe come lavoretto, tenta. O magari prova a dare ripetizioni, se ti sembra più “facile”.
    La paura mi ha bloccato e continua ad immobilizzarmi ma quelle poche cose che ho fatto,anche se poi non sono andate come speravo,mi hano fatta sentire meglio rispetto a quando sto ferma senza provarci. Ne vale la pena. Per la questione colloquio..se anche fai una pessima figura,non la devi più rivedere quella gente,perciò fregatene. Non è comunque importante il giudizio che si fanno su di te perché è approssimativo e non rispecchia la totalità della persona che sei.

    Piace a 2 people

      1. Sí..infatti anche io se ci ripenso mi mangio le mani perché per colpa dell’ansia e della timidezza mi sono giocata un posto di lavoro. Ma poi se ci rifletto meglio mi dico “Ok ma capperi, sono andata fin lí, a parlare con una persona mai vista prima anche se morivo di paura!”. E trovo sia quella la cosa più importante, al di lá del responso. In ogni caso non sono i fallimenti a definirci 🙂

        Piace a 1 persona

  2. I consigli di Namida credo siano molto validi.
    Tu hai certamente ottime qualità in certi campi, e per esempio dare ripetizioni potrebbe essere produttivo anche nel farti provare un senso di autorevolezza e sicurezza.
    Baby sitting, a meno che tu non abbia in odio i ragazzini, è anch’essa un’ottima scelta. Si possono accudire i poppanti, ma anche ragazzini di 5-10 fino ai 13 anni, perché magari i genitori non li vogliono lasciare a casa da soli (e faresti anche da aiuto compiti e la responsabilità comunque sarebbe minore).

    Figure di merda? Io ne ho fatte a decine in svariati campi, ma chissenefrega? Persone che poi mica devi reincontrare, e poi ogni volta andrà meglio.

    Un sorriso

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

Su ↑

C'era una volta Hollywood

❝Il cinema è la vita con le parti noiose tagliate.❞ A. Hitchcock

Lucy the Wombat

Sopravvissuta a un attentato a Parigi e rinata in Australia. Un blog su: disagio e cose belle, strani posti e creature, tanta meraviglia e un po' di assurdo. Con un vombato contro lo stress post-traumatico. Scrivo per me, per gli italiani in Australia e per gli umani sulla Terra.

Euridice, scrive. ______________________________________________

Euridice, scrive. E non sarà mai sola in questo dannato, caldo inferno.

PenniLein

Se nasci tondo è difficile che muori magro

Alice

Posso sognare di essere un supereroe?

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: