Tira e molla, per così dire.

Mi sento strana.

A volte mi sento più forte di prima, più libera, più sicura (esagerando direi).

Molte altre mi sento debole, sconfitta, fragile e instabile. 

Non capisco chi sono davvero, fin dove posso spingermi e se posso spingermi. 

Mi capita ancora di provare ansia sul tram, nel raggiungere un’amica/o o di andare ad un appuntamento. 

Succede spesso che io pensi che non sono fatta per essere una ragazza spensierata, almeno nei limiti del normale, del tranquillo. 

È come se ogni cosa diversa dalla normalità sia una grande sfida, un grosso, gigantesco muro che non mi fa guardare oltre, come se la mia vita si fermasse di fronte a lui. E io devo o superarlo con gran fatica, o scappare per trovare un’altra via, più facile e meno disarmante, stressante e frustrante. 

Mi dispiaccio, ma non mi sento affatto forte, non riesco proprio a pensarci, non voglio deludermi e deludere.

E sono sempre qua.

C.

Annunci

8 risposte a "Tira e molla, per così dire."

Add yours

  1. Una volta mi sono sentita dire che io penso troppo….Ma come si fa a frenarli , i pensieri?

    Ho provato, nelle varie evenienze, a presentarmi piu’ come spettatrice attenta che come “attrice”: ci credi che mi sono divertita e ho capito che alla gente piace piu’ parlare, che ascoltare?
    Ti auguro di stare bene….

    Piace a 1 persona

      1. A chi vuole metterci su un palcoscenico, diciamo pure di no.
        Io posso essere partecipe e interagire lasciando ad altri la conduzione del gioco….
        Poi si impara a cambiare ruolo, magari..

        Mi hanno insegnato che non c’e’ teatro senza almeno un attore + uno spettatore….quindi i due ruoli si equivalgono e ognuno si scelga il proprio!
        Un abbraccio
        A.

        Piace a 1 persona

      2. Perche’ no?

        Mi sembra di fare la saputella…ma siccome potresti essere una mia nipotina e anch’io mi sono sempre sentita inadeguata e disperata in certe situazioni, ti volevo raccontare quello ha fatto bene a me….

        Ora che sono diventata “impunita”, e che mi sembra impossibile di aver sofferto inutilmente , mi lascio andare con considerazioni che non vogliono essere consigli ma semplici constatazioni.

        Scusa se sono stata noiosa..
        (Ah gia’, ma questo blog non era per la gente noiosa…?)
        Appunto!

        Bacio

        Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

Su ↑

C'era una volta Hollywood

❝Il cinema è la vita con le parti noiose tagliate.❞ A. Hitchcock

Lucy the Wombat

Sopravvissuta a un attentato a Parigi e rinata in Australia. Un blog su: disagio e cose belle, strani posti e creature, tanta meraviglia e un po' di assurdo. Con un vombato contro lo stress post-traumatico. Scrivo per me, per gli italiani in Australia e per gli umani sulla Terra.

Euridice, scrive. ______________________________________________

Euridice, scrive. E non sarà mai sola in questo dannato, caldo inferno.

PenniLein

Se nasci tondo è difficile che muori magro

Alice

Posso sognare di essere un supereroe?

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: