Io non riesco

Sono incazzata.

e offesa.

e arrabbiata.

e triste. 

E nervosa.

Ma non serve a niente.

Perché tanto mio fratello se ne frega.

È di 5 anni più piccolo di me.

È quello che si chiama menefreghista. E non dico il cafone. Dico letteralmente menefreghista. 

Lo è sempre stato, ma crescendo affina automaticamente la tecnica e le sue capacità si fanno più sopraffini. 

Sta tutte e dico tutte le sere a giocare col suo PC fighissimo e io non posso guardare film perché il nostro WiFi fa schifo. Se provo a farlo, come è successo stasera contro la sua volontà, allora gli lagga il gioco e  per vendicarsi, strafottente come solo lui sa fare, decide di vedere un film in HD. Solo che lui ha l’eternet attaccato al pc fisso e lui stesso mi insegna che in questo modo può guardarsi comodamente il suo film prendendosi tutto il WiFi e non facendolo vedere a me.

Era un  horror. Ed ero arrivata al momento in cui finalmente si movimentavano le cose. E  niente. Vedo la rotellina del caricamento che inizia a continuare a girare e cazzo non capisco perché! Ho staccato il WiFi da tutti i cellulari e prima andava!!

Allora vado in camera sua. E lo trovo bello bello in poltrona a guardarsi il suo film.

-Scusa ma stai guardando un film?

-Si. Tu non mi facevi andare il gioco è mi sono guardato un film.

-Ah beh grazie cazzo! Io non posso mai vedere film perché tu sei SEMPRE al pc e per una volta che riesco mi blocchi tutto?

-Beh si. Te lo guardi quando non ci sono.

-Cioè mai! Sei tu semmai che dovresti lasciarmi almeno una sera a settimana il WiFi. 

-Eh… no.

-Vaffanculo. 

E me ne vado. 

Poi ho iniziato a piangere.

Non solo per questa volta. Ma per un insieme di volte in cui mi disfa con la sua totale freddezza. Col suo non guardarmi nemmeno in faccia quando fa così. Col suo menefreghismo. 

Spesso negli ultimi anni ho pensato a come potrebbe diventare un inferno quando i miei saranno vecchi e lui quasi sicuramente se ne sbatterà e lascerà a me tutto. E può anche essere che non mi chiamerà  mai.

Come quando lo preghiamo di farsi vivo coi nonni. Che comunque non vivranno in eterno e gli vogliono bene. E penso che anche lui gliene voglia. Gliene dovrebbe volere.

È  freddo. E così distaccato.

Da piccolo lo vedevo piangere quando si faceva male o non otteneva quel che voleva.

Ora non si fa più male e quelle rare volte piange perché i miei non gli fanno ottenere (raramente) quel che vuole lui nel modo in cui lo vuole lui.

Ricordo l’anno scorso ad esempio che si mise a piangere perché voleva andare ad una festa in discoteca per controllare che la ragazza che gli piacesse non ci provasse con altri e che altri non ci provasse con lei. E non stavano assieme. E non c’era mai stato niente.

Sa trattare malissimo le persone.  In un modo spaventoso. 

Giuro che sono sincera.

Se lo vedete vi preoccupereste anche voi.

A me dispiace per lui. Però non può trattare male gli altri perché non sa mettersi nella condizione di entrarci sentimentalmente in relazione.

Poi penso anche a quella povera della sua futura ragazza. Quando ne avrà una. Povera. Davvero. Lo immagino che quando litigano scompare per giorni. Che non piange mai. Che non si scompone per nessuno. 

L’anno scorso ci trattava tutti malissimo per questa ragazza che gli piaceva. Perché poi venne fuori che lei lo vedeva solo come un amico e si mise col suo migliore amico. E capisco che una cosa così ti distrugga. Ma lui sa e decide di distruggere gli altri se ha qualcosa che non va.

E ci provo a parlargli. Glielo dico che non può essere che se ne freghi così di tutti. Che sembra che non Gliene freghi niente di nessuno. Che non si preoccupa mai per nessuno è che non fa mai favori a nessuno.

A casa non esiste. Al telefono non risponde neanche quelle poche volte che lo sente.

Al citofono se risponde faccio salti di gioia.

La tavola l’apparecchia solo se glielo chiedi per almeno mezz’ora ogni 5 minuti. E può anche essere che pure così se ne sbatta. 

Se gli chiedi un favore devi assillarlo per ore.

Se hai urgenza di qualcosa stai pur certo che lui non ti aiuterà. 

Insomma. Ci sto male. E ho paura.

E gli voglio bene. E non riesco a incazzarmi con lui anche se se lo merita.

Si merita anche lo stesso trattamento.

Ma io sono buona. Appena faccio un piccolo torto a qualcuno o rispondo male mi dispaccio subito e ci ripenso per ore e spero che l’altro mi perdonerà. 

Lui zero.

Niente di Niente. 

E vorrei chiamarlo stronzo ma non ce la faccio.

C.

Annunci

22 risposte a "Io non riesco"

Add yours

  1. la soluzione per la vostra rete potrebbe essere una macchina Linux che faccia da traffic shaper in modo da dividervi equamente la banda 🙂
    Ma sarebbe attuabile solo con una parsona ragionevole, e non mi pare che tuo fratello lo sia…
    E la sua situazione non la vedo tanto bella, sia per lui che non troverà facilmente pace, sia per chi gli starà a fianco, come tu ben sai visto che la provi sulla tua pelle tutti i santi giorni. Ma tu troverai la tua strada, e lui la sua, sperando che riesca a chiedere aiuto per uscire dal ginepraio nel quale si è infilato.

    Piace a 1 persona

      1. Che l’aspetto di non riuscire a sfruttare la connessione internet perchè tuo fratello se la frega quasi tutta è diciamo secondario, è solo una piccola parte di una realtà molto più pesante.

        Piace a 1 persona

    1. Beh non è che gli faccio favori di chissà che tipo. Però ad esempio quando suona il telefono e io sto vedendo un film lui non risponde manco morto. Per la tavola devi pregarlo e la faccio quasi sempre io. Oppure devo uscire dal bagno lasciandolo dentro mezz’ora perché altrimenti non combina niente e non può uscire. . Cose così. Snervanti.

      Piace a 1 persona

      1. E tu evita di apparecchiare per lui, se non risponde al telefono. ..non farlo neppure tu… ripagalo ignorandolo…Comunque non può essere che stia passando una sorta di fase adolescenziale?

        Piace a 1 persona

      2. Bah… non credo. Anche se ci spero. Ma di carattere è sempre stato difficile.
        Beh ma facendo il suo gioco ci perdo perché io non so fregarmene come fa lui e mi disturba non rispondere al telefono, non aprire la porta o cose così…

        Mi piace

  2. Cara C, purtroppo non puoi fare granché secondo me, a parte sperare che cambi. Spero tanto sia un passaggio, ma da quello che ho visto e sentito in altre famiglie non ci conterei troppo. Mi dispiace davvero tanto e vorrei poter dire qualcosa di più per sollevarti l’umore, purtroppo ho un problema simile con la sorella più grande a casa. Ti mando un grande abbraccio

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

C'era una volta Hollywood

❝Il cinema è la vita con le parti noiose tagliate.❞ A. Hitchcock

Lucy the Wombat

Sopravvissuta a un attentato a Parigi e rinata in Australia. Un blog su: disagio e cose belle, strani posti e creature, tanta meraviglia e un po' di assurdo. Con un vombato contro lo stress post-traumatico. Scrivo per me, per gli italiani in Australia e per gli umani sulla Terra.

Euridice, scrive. ______________________________________________

Euridice, scrive. E non sarà mai sola in questo dannato, caldo inferno.

PenniLein

Se nasci tondo è difficile che muori magro

Alice

Posso sognare di essere un supereroe?

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: